Redict 7.3.0 è già stato rilasciato

Redigere

Modificare il logo

Poco dopo Redis ha annunciato un cambiamento nella licenza dei suoi prodotti, il movimento ha iniziato a creare un'alternativa a questo, perché le nuove licenze implementate sono incompatibili con altri prodotti open source, ad esempio Fedora, e da quel movimento abbiamo imparato a conoscere nascita di Valkey che è un progetto della Linux Foundation, nonché Redigere un fork Redis creato da Drew DeVault, noto per i suoi progetti come l'ambiente utente Sway, il linguaggio di programmazione Hare, il client di posta elettronica Aerc e la piattaforma di sviluppo collaborativo SourceHut.

Per quanto riguarda quest'ultimo, Drew DeVault ha recentemente annunciato il rilascio di Redict 7.3.0, essendo questa la prima versione indipendente di questo progetto e porta con sé modifiche minime, come la modifica dei nomi delle utilità e dei file di configurazione, mantenendo così la compatibilità con Redis 7.2.4. Sebbene Redict sia supportato in questa versione, non è correlato o supportato dal ramo di sviluppo Redis 7.3.0.

Inoltre, Il team Redict prevede di investire nella documentazione Redict, con l’obiettivo di diventare il riferimento principale per tutti i partecipanti all’ecosistema. Stanno anche lavorando su miglioramenti a Hiredict (il fork della libreria client ufficiale Redis C), inclusi miglioramenti al sistema di compilazione e una maggiore conformità agli standard Unix.

A differenza di altre forcelle come Valkey, creato da grandi aziende, Redict Il suo obiettivo principale è mantenere la stabilità e il conservatorismo del codice invece di promuovere cambiamenti radicali e innovazioni. Gli sviluppatori di Redict considerano Redis, nel suo stato attuale, un progetto maturo e completo, concentrato sulla garanzia di correzioni di bug e vulnerabilità piuttosto che sull'aggiunta di ulteriori funzionalità. Questo approccio valorizza la stabilità per gli utenti rispetto alle nuove funzionalità, dando priorità al rapporto con distribuzioni e attività come svantaggio di Lua e jemalloc.

Abbiamo preso queste decisioni perché crediamo che siano essenziali per garantire un futuro basato sul software libero e in cui i nostri utenti e collaboratori non possano più togliersi il terreno da sotto i piedi. Riteniamo che sia fondamentale prendere queste decisioni ora, all'inizio del nostro fork, soprattutto in risposta alla crisi che la comunità Redis® deve affrontare da parte dei suoi manager aziendali. Se non vuoi che il tuo investimento in questo software rischi un'altra crisi artificiale in nome del profitto, se vuoi beneficiare della protezione copyleft e della garanzia che il tuo software rimarrà gratuito, ti consigliamo di adottare Redict per le tue esigenze.

Redict cerca una costruzione indipendente e comunitaria del suo software, senza essere influenzati da limitati interessi commerciali. La scelta della licenza LGPL anziché BSD per Redic cambiaSi basa sulla protezione contro possibili tentativi di creare distribuzioni Redict proprietarie e sulla prevenzione del blocco del trasferimento del codice al progetto ora proprietario, Redis. Allo stesso tempo, la licenza LGPL consente agli sviluppatori di prodotti commerciali e sistemi cloud di utilizzare Redict nei propri servizi e progetti. Redict sarà sviluppato esclusivamente da e per il beneficio della comunità, invece di essere guidato da un piccolo gruppo di aziende con interessi specifici. Le decisioni di sviluppo saranno prese per consenso tra i partecipanti al progetto.

I piani futuri includono la modernizzazione del sistema di costruzione, creando fork di librerie client (come Hiredict, un fork di una libreria con un'implementazione client per Redis in linguaggio C) e rimuovendo le opzioni integrate per Lua e jemalloc a favore del collegamento delle dipendenze esterne. Ciò semplificherà la manutenzione dei pacchetti tra le distribuzioni. Inoltre, viene presa in considerazione la possibilità di trasferire modifiche utili e non radicali dal codice base Valkey.

Infine se sei interessato a saperne di più, puoi controllare i dettagli nel seguente link


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.