Kodi, l'applicazione che mi ha convinto ad utilizzare più flatpak sul mio computer principale

Kodi 21 con flatpak

Non mi piacciono i pacchetti di "prossima generazione", a cui prima o poi dovremo fare riferimento in modo diverso. Nuoterò contro corrente, ma non mi piacciono. Ogni volta che posso, indipendentemente dalla distribuzione, utilizzo i pacchetti nativi, ed evito sia gli snap, di cui non c'è traccia nel mio Manjaros, sia i flatpak. La situazione è cambiata di recente e il colpevole ha un nome: Kodi, il veicolo fuoristrada che, da solo, funge da centro multimediale.

Il punto è che da quando è uscito Kodi 21 ho avuto poche gioie se le mettessimo di fronte ai problemi. Recentemente sono rimasto ammutolito, a meno che cambia la riga Exec del tuo file .desktop. Più recentemente ho visto come alcuni plugin mi dicevano che la versione Python non era compatibile, quindi ho deciso di provare quella versione flatpak. Per ora tocchiamo legno, cannella pregiata.

Perché non mi piacciono i flatpak e gli snap

Ci sono un paio di ragioni. Penso che molti di noi siano d'accordo sul fatto che i pacchetti nativi siano i migliori per ogni distribuzione, ma non è l'unico motivo per cui non voglio usarli. La prima cosa è quella non sempre funzionano bene, e qui posso includere anche il tema del design. Gli sviluppatori creano il loro software per un desktop o per un altro, con predominanza di GNOME e KDE, ma oltre a questo a volte sembra pessimo. Chiedi la versione beta di GIMP.

Un'altra cosa che non mi piace è la questione dipendenze. Vengono "venduti" come se non fossero utilizzati, ma non è vero. Dicono che sia i flatpak che gli snap includono tutto nello stesso pacchetto, ma non sono inclusi qui tempi di esecuzione. Un programma di pochi megabyte può superare il gigabyte, purché sia ​​il primo ad essere installato. Quando ne abbiamo già diversi, i tempi di esecuzione vengono condivisi e, allora sì, un programma pesa quello che promette. Andiamo, vecchie dipendenze, ma un po' diverse.

I pacchetti Snap dipendono anche da altri per funzionare e garantire la loro sicurezza. Ciò non significa che siano più sicuri dei flatpak, questo è qualcosa che dovrebbero dire gli sviluppatori; Voglio dire che ci sono alcune unità in più assemblate Siempree molti di noi ne rifiutano l'uso.

Kodi su flatpak funziona

Come avevo già accennato, Kodi nella sua versione flatpak funziona. Recentemente, i suoi sviluppatori Hanno smesso di offrire un repository per i sistemi basati su Debian, a quel punto hanno iniziato ufficialmente a supportare il loro pacchetto flatpak. Cioè, la cosa più ufficiale del Kodi Team è cosa c'è su flathub. Al momento non ci sono problemi con Python, né suoni né altro.

Questo è quello che ho sui miei due computer con Manjaro, e non lo uso su altre distribuzioni - come il sistema operativo Raspberry Pi - perché al momento i repository ufficiali funzionano ancora per me. E poiché ho già installato tutte o quasi tutte le dipendenze necessarie per altri programmi Flathub, ho già fatto il passo. Anche se continuerò ad evitarli, o meglio, continuerò a dare priorità ai pacchetti della distribuzione. Nel mio caso, quello che ho è un'altra opzione che mi sono rifiutato di utilizzare per i motivi sopra descritti...

…ma tutto questo può cambiare ancora. Dipenderà da cosa accadrà in futuro. Se tra un po' tutto andrà di nuovo bene su Kodi e non avrò molti pacchetti flatpak, tornerò a farlo come prima. L'ho già fatto una volta in passato, quando mi ero abituato a tirare più AUR, ma ora potrebbe essere diverso. Non lo so. Questa situazione mi ha costretto a riprovare, a dimenticare il peso delle dipendenze iniziali e a utilizzare semplicemente le opzioni disponibili, motivo per cui esistono i flatpak (e gli snap). Tutto sommato, sembra la cosa più intelligente da fare. E a quanto pare non lo ero.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.