Kodi 21.0 Omega ora disponibile con supporto a FFmpeg 6.0, possibilità di leggere e scrivere liste M3U8 e dire addio alla repository per Ubuntu

Kodi 21.0Omega

Sono trascorsi circa 15 mesi dal lancio del versione principale precedente e abbiamo già quello nuovo qui. Il Kodi Team ha rilasciato – sì, l'immagine splash è così sfocata –  Kodi 21.0Omegae viene fornito con un elenco di nuove funzionalità che evidenzia il supporto per FFmpeg 6.0. È ora disponibile la versione 7.0 della famosa libreria multimediale ma, come sempre in questi casi, abbiamo scelto di includere qualcosa di più maturo e non un software più recente che potrebbe contenere bug.

Tra le novità, novità: il team di sviluppo Lui decise a marzo interrompere il repository per Ubuntu. Il motivo è che questo repository è compatibile solo con un gruppo di distribuzioni Linux e il team Kodi concentrerà i suoi sforzi Linux sullo sviluppo e sul mantenimento della versione flatpak. È una decisione logica che agli utenti Ubuntu non piacerà molto. Sebbene i pacchetti flatpak piacciano, è pur sempre vero che richiedono dipendenze che aumentano il peso di un'applicazione, almeno nelle prime installazioni.

Nuove funzionalità più importanti di Kodi 21.0 Omega

  • Rappresentazione migliorata dei testi delle etichette.
  • Dichiarazione anticipata rimossa da FlatBufferBuilder.
  • Sottotitolo:
    • Aggiunto supporto per la raccolta di caratteri (.ttc).
    • Abilitate le parentesi bidi per i sottotitoli adattati.
    • Evita le chiamate ai metodi virtuali nel distruttore.
  • Miglioramenti al sink audio in webOS.
  • Sincronizzazione delle traduzioni dei metadati aggiuntivi.
  • Gestione di Pagina su/Pagina giù, ecc. nelle impostazioni.
  • Mantiene la posizione di selezione dopo la fine della riproduzione/cambiamento di stato osservato.
  • Estuario:
    • Reimposta il timer 1110_seekbar nelle ricerche.
    • Avvia anche il timer (con reset) nelle ricerche.
    • Reimposta il timer mentre è visualizzato l'OSD.
  • PVR.
    • Finestra di dialogo Impostazioni timer: consente di configurare alcune impostazioni predefinite quando si cambia il tipo di timer.
    • Tipi di timer dinamici.
    • Correggi alcuni avvisi CPPCheck e clang-tidy.
  • Risolto il problema con il filtro visto/non visto che non funzionava durante la creazione di riproduzioni.
  • Traduzioni aggiornate.
  • Risolto il problema con la riproduzione automatica del video successivo che non funzionava dalla finestra di dialogo delle informazioni sul video.

Per piattaforme

  • Windows:
    • Aggiungi l'upscaler DXVA Video Super Risoluzione.
    • DXVA: controlla se gli spazi colore HDR10 sono supportati dal processore video.
    • Rimuovi la registrazione non necessaria per Intel senza supporto dello scaler a super risoluzione.
    • HLG > Correzioni per la riproduzione HDR PQ.
    • Disabilita la mappatura dei toni del processore per AMD e da HDR a HDR.
    • Aggiunge informazioni sul metodo di rendering all'OSD di debug.
    • Effettua il refactoring del codice del processore video.
    • Distinguere tra host/download nativo/strumenti per Windows build.
    • Rimuovi la soluzione per i video con risoluzione super.
    • Testare il supporto del processore video per la conversione da SDR a SDR.
    • Aggiorna libass alla 0.17.1.
    • Aggiunto il componente di registrazione "Grafica" per Direct3D.
    • Rendi HiDPI più generico/indipendente dalla piattaforma.
    • Configurazione per elaborazione ad alta precisione/mappatura dei toni HDR.
    • Refactoring DXGI_FORMAT su std::string per eseguire il debug delle informazioni OSD.
    • Refactoring video ad altissima risoluzione.
    • Rimuovere il codice inutilizzato in DeviceResources.cpp.
    • Rimuovi il mirroring del frame rate extra inutilizzato per le risoluzioni interlacciate in CVideoSyncD3D.
    • Risolto: visualizzazione corretta di 119.88 Hz e future frequenze di aggiornamento più elevate.
    • RetroPlayer: correggi i colori blu/rosa sugli schermi a 10 bit.
    • Refactoring CProcessorHD/CEnumeratorHD per rimuovere l'accesso diretto alle interfacce dell'enumeratore D3D.
    • Corretta la finestra di dialogo di conferma che non veniva visualizzata quando si passa allo schermo intero.
  • macOS:
    • Compatibile con display HiDPI (retina).
    • Supporta il movimento a schermo intero/Correggi lo schermo perso.
    • Finestra nativa predefinita.
    • Controlla e aggiorna le impostazioni del monitor all'avvio.
  • Android:
    • Regola le macro in base all'API a cui si rivolgono.
    • Rimuovi le costanti non necessarie if y use MediaFormat.
    • Preferisci il decoder raw di Google a MediaTek sui dispositivi meno recenti.
  • Linux:
    • Aggiunto –audio-backend=.
    • Configurazione semplificata della priorità dei thread.
    • Utilizzo di XB_FMT come enumerazione nei thread.
    • Pipewire: rileva le eccezioni in CPipewire::Create().

Ora disponibili

Kodi 21.0 Omega sarà annunciato ufficialmente a breve e ora può essere scaricato da il tuo sito ufficiale, almeno per Windows. Gli utenti Linux dovranno aspettare ancora un po'. Come abbiamo spiegato, ora la versione ufficiale è il pacchetto flatpak e affinché appaia come opzione deve passare attraverso un processo di revisione. Nelle prossime ore apparirà anche nei repository ufficiali di alcune distribuzioni Linux. Il tempo approssimativo dipenderà dalla filosofia di aggiornamento di ciascun progetto.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.