I migliori strumenti per evitare blocchi del tuo operatore da Linux

Evitare blocchi

Non so quando siano iniziati i blocchi degli operatori per impedirci di utilizzare alcuni servizi che consideravano illegali. Uno dei più conosciuti è quello di The Pirate Bay, un motore di ricerca torrent che almeno per me e ora funziona per me dalla Spagna, ma non è sempre stato così. In effetti, se a me funziona è proprio perché sto utilizzando un DNS diverso nel mio browser web. Qui parleremo di diversi strumenti per evitare blocchi di questo tipo da Linux.

Evitare alcuni blocchi è più facile di altri. Ad esempio, se ciò che vogliamo è accedere a una pagina web che il nostro operatore ha bloccato, è sufficiente installare un'estensione nel browser. Ma cosa succede se si tratta di un'applicazione che non riesce a connettersi? Kodi ha molti componenti aggiuntivi disponibili e non puoi aggiungerne uno aggirare di questo tipo nel lettore; Devi aggiungerlo all'intero sistema operativo.

Cosa fanno gli operatori e perché evitano i blocchi che impongono

Per permetterci di visitare una pagina web o utilizzare un protocollo, il nostro team effettua una "chiamata" al suo ISP (l'operatore, in pratica) e ci restituisce un numero che è dove finiamo. Quando, per qualsiasi motivo, l'operatore non vuole che utilizziamo quel servizio, quando effettuiamo la chiamata non ci restituiscono nulla e non possiamo continuare.

Tra le soluzioni ne abbiamo almeno due: l'uso un DNS o VPN diverso. Nel primo caso, in teoria, chiameremo un altro operatore per darci il numero definitivo, nel secondo è come se stessimo navigando da un altro paese. A seconda di ciò di cui abbiamo bisogno, utilizzeremo l'uno o l'altro. Per fare un paio di esempi, se vogliamo visitare la già citata The Pirate Bay, è sufficiente un DNS che lo consenta, mentre per poter vedere la televisione di un altro paese dall'estero dobbiamo utilizzare una VPN supportata.

Strumenti per evitare blocchi

Ce ne sono molti, ma qui parleremo di tre, o tre tipologie:

VPN nel browser

Un VPN nel browser Ci permetterà di visitare pagine web che non potremmo visitare senza di loro. Ce ne sono di gratuiti, anche se bisogna chiarire che questi non sono considerati sicuri. Utilizzo Touch VPN quando non riesco ad accedere a un sito web. È disponibile almeno per Chrome / Chromium y Firefox.

Usare queste VPN è semplice: di solito hanno un pulsante per attivarle e a volte ci permettono di scegliere un paese da un breve elenco che può essere ampliato se paghiamo.

VPN sul sistema operativo: ProtonVPN

Un'altra opzione è usare a VPN a livello di sistema operativo. Ce ne sono molti ma, tra quelli che ho provato, ProtonVPN è quello che mi ha dato i migliori risultati. Questo disponibile su Flathub, quindi può essere installato su qualsiasi distribuzione Linux se il supporto è attivato. In questo link Ci sono ulteriori informazioni e sono disponibili anche in AUR per le distribuzioni basate su Arch nel pacchetto protonvpn-gui.

Per utilizzare ProtonVPN prima devi registrarti. Successivamente, viene avviata l'applicazione, che dispone di un'interfaccia utente, e facciamo clic per connetterci. Così semplice. La cosa brutta è che ci sono versioni che non ti permettono di scegliere una posizione e dovremo accontentarci della connessione che stabilisci, quasi sempre sufficiente per evitare blocchi. Attualmente, anche se la situazione potrebbe cambiare, la versione per Linus ci offre 3 server gratuiti.

1.1.1.1 di Cloudflare

Come la VPN nel browser, puoi anche utilizzare un DNS simile 1.1.1.1 in questo. Come dipenderà da questo. In quelli basati su Chromium può essere configurato nella sezione chrome://settings/securitye in Firefox dalla sezione "Abilita DNS su HTTPS utilizzando:" all'interno di "Privacy e sicurezza". Di solito ce ne sono anche altri come Google 8.8.8.8, ma non è la mia preferenza.

anche può essere utilizzato su tutti i sistemi operativi, ma la cosa negativa di questa opzione è che non è molto ben supportata. qui Ci sono informazioni su come farlo in GNOME e KDE, ma non funziona per me. Fino a poco tempo fa era possibile scaricare anche Debian, pacchetti Red Hat e derivati, ma ora solo fornire informazioni...che non ha funzionato per me in nessuna macchina virtuale.

Ciò che funziona è il pacchetto cloudflare-warp-bin di AUR, ma seguendo questi passaggi:

  1. Il pacchetto installa un servizio e deve essere attivato aprendo un terminale e digitando questo comando.
sudo systemctl abilita --now warp-svc.service
  1. Successivamente scriveremo questo:
registrazione warp-cli nuova
  1. Infine, per avviarlo scriveremo:
connessione warp-cli

Il servizio sarà sempre attivo a meno che non scriviamo warp-cli disconnecte per eliminare il record creato warp-cli registration delete.

Qualcosa che utilizza la rete Tor per aggirare il blocco

Non mi piace molto perché è il più lento e l'esperienza non è delle più fedeli, ma può aiutare. Tor Browser Utilizza diversi strumenti per mascherarci e tra questi ci sono le VPN. Anche a me non piace molto il browser, e se questa è la scelta consiglio di usare Tor di Brave.

Conclusione

Evitare i blocchi ci permette di decidere quale uso fare di Internet, ed è qualcosa per cui ne vale la pena. Ognuno dovrebbe fare ciò che ritiene opportuno senza che gli venga imposto.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.