Come ottenere e installare VirtualBox su Linux / GNU

virtualbox per linux

Nel mondo Gnu / Linux, l'argomento più comune è il test di varie distribuzioni. Un'attività diventata più virale grazie alle macchine virtuali e ai software di virtualizzazione. Questo è perché queste macchine ci permettono di installare come molti sistemi operativi come vogliamo senza cancellare il nostro computer o di dover fare le partizioni sul nostro disco rigido.

Successivamente parleremo VirtualBox, un software di virtualizzazione, come ottenere e installare questo software e come creare una macchina virtuale.

Cos'è VirtualBox?

La virtualizzazione o l'emulazione di alcune piattaforme è qualcosa che può essere raggiunto su qualsiasi sistema operativo, tra cui le distribuzioni GNU / Linux. Potrebbe essere il caso di voler scegliere di utilizzare l'emulazione per un singolo programma, nel qual caso lo useremo Wine oppure possiamo scegliere di emulare o virtualizzare un intero sistema operativo.

Ciò può essere ottenuto più a lungo il sistema operativo che vogliamo virtualizzare consuma meno risorse di quanto l'hardware che abbiamo. Questo è qualcosa di molto importante da tenere in considerazione perché provare a virtualizzare qualcosa di più potente del nostro hardware o del nostro computer disabiliterebbe completamente l'apparecchiatura, smettendo di rispondere per un po 'o sospendendo l'attività del software per motivi di sicurezza. Questa virtualizzazione viene solitamente eseguita in contenitori chiamati macchine virtuali.. Questi sono di solito gestiti da virtualizzazione programmi.

Uno dei più potenti software per virtualizzare sistemi operativi corrisponde alla società di VMWare, ma per fortuna c'è un altrettanto buono, potente e open source software che possiamo installare su qualsiasi distribuzione GNU / Linux. Questo software si chiama VirtualBox.

Il programma VirtualBox è open source e multipiattaforma, quindi possiamo creare macchine virtuali in Windows e quindi trasferirle sul nostro computer con Linux per il funzionamento.

VirtualBox è uno dei pochi programmi di virtualizzazione che ci permette di creare un disco rigido virtuale in parti, cioè lo aumenta o lo utilizza a seconda di come lo usiamo. Un'altra caratteristica di VirtualBox è la creazione di macchine virtuali in un modo nuovo che ci aiuta a trasportarle come se fossero documenti di testo o immagini da una fotocamera.

Un altro dei vantaggi di VirtualBox è che questo programma supporta la maggior parte dei sistemi operativi famosi e popolari che esistono attualmente, non solo varie distribuzioni Gnu / Linux ma anche versioni Windows, macOS, Solaris e BSD.

Quest'ultimo è interessante perché c'è una versione per i server che ci permetteranno di creare diverse macchine e li gestiamo da un singolo server, con conseguente avere più macchine virtuali, ma solo un singolo computer.

Come ottenere VirtualBox?

Come con il resto del software Gnu / Linux, ci sono tre metodi per ottenere VirtualBox. Il primo di questi metodi è attraverso i repository ufficiali della distribuzione. Questo significa che abbiamo una stabile e la versione funzionale di VirtualBox, ma non l'ultima versione del programma e con questo noi non avranno la notizia della versione più recente sia. In realtà VirtualBox è nei repository delle principali distribuzioni GNU / Linux.

L'altra opzione è ottenere il pacchetto di installazione tramite il sito ufficiale del programma. Questa opzione ci permette di avere l'ultima versione di VirtualBox ma è anche vero che non è testata con la distribuzione e potrebbe ostacolare il funzionamento della distribuzione o non funzionare correttamente a causa della mancanza di una libreria.

scaricare VirtualBox GNU

Il terzo metodo per ottenere VirtualBox è tramite il codice sorgente. Questo processo è il meno problematico ma ha lo svantaggio di richiedere conoscenze avanzate per compilare il codice e creare il pacchetto di installazione. Non consigliato se vogliamo avere VirtualBox sul nostro computer rapidamente.

Come installare VirtualBox?

Installare VirtualBox è molto semplice. Se usiamo il repository ufficiale, possiamo cercare il programma della macchina virtuale nel software manager ufficiale o aprire un terminale ed eseguire il codice seguente:

sudo apt-get install virtualbox

Se abbiamo Ubuntu, Debian o qualsiasi distribuzione derivata da questi. Se abbiamo Arch Linux o qualsiasi distribuzione da esso derivata, dobbiamo eseguire il seguente codice:

sudo pacman -S virtualbox

Se non abbiamo nessuna di queste distribuzioni, ce l'abbiamo Fedora, Red Hat o una distribuzione basata su una di queste distribuzioni, quindi dobbiamo eseguire il seguente codice:

sudo dnf install virtualbox

Se abbiamo SUSE Linux, OpenSUSE o qualsiasi distribuzione basata su di essi, quindi dobbiamo eseguire il seguente codice:

sudo zypper install virtualbox

Quando si esegue uno di questi comandi o comandi, verrà installato il programma della macchina virtuale e tutte le dipendenze necessarie per il funzionamento del programma. Se optiamo per il installazione da un pacchetto ottenuto tramite il sito web ufficiale, quindi dobbiamo eseguire il seguente comando:

sudo dpkg -i NOMBRE-DEL-PAQUETE.deb

Oppure eseguiamo quanto segue se il pacchetto è in formato rpm:

sudo rpm -i NOMBRE-DEL-PAQUETE.rpm

Configurazione VirtualBox

La configurazione VirtualBox è molto semplice, lo stesso non è il caso con la configurazione della macchina virtuale. Una volta che abbiamo installato VirtualBox, abbiamo eseguirlo e una finestra come la seguente apparirà:

home page Virtualbox

Se abbiamo già una macchina virtuale da un'altra installazione, verrà visualizzata nella colonna di sinistra sotto pulsanti Nuovo e impostazioni. Di solito non è necessario fare molti cambiamenti, ma se vogliamo farlo funzionare perfettamente allora dobbiamo andare a file e preferenze. In Preferenze apparirà una finestra come la seguente:

Come installare Virtualbox

In esso troviamo vari aspetti comuni che avranno le nostre macchine virtuali, tra cui l'immissione di informazioni, solitamente mouse e tastiera; la dimensione standard dello schermo e la sua risoluzione; la lingua della domanda; la connessione di rete che avranno le macchine virtuali; le possibili estensioni che possiamo aggiungere e se vogliamo configurare un proxy. Personalmente, l'unica cosa che di solito cambiare è il Nella scheda Generale l'indirizzo del mio disco rigido in cui verranno salvate le macchine virtuali che vengono create.

Sia nei menu Macchina che Gruppo abbiamo varie azioni con le macchine virtuali: Dalla creazione di una nuova macchina virtuale, per spostarlo da luogo alla clonazione. Ci sono scorciatoie per queste azioni ma la clonazione no, si trova solo nel menu Macchina e serve per clonare macchine virtuali, cosa molto utile anche se non ci credete.

Come creare una macchina virtuale con VirtualBox

Avendo un'idea di come funziona VirtualBox, vediamo come creare una macchina virtuale per installare una distribuzione Gnu / Linux. Per prima cosa dobbiamo aprire il programma e premere il pulsante Nuovo. Apparirà una finestra come la seguente:
virtualbox macchina virtuale

Dobbiamo aggiungere il nome della macchina virtuale, è meglio chiamarlo dal sistema operativo. Seleziona quindi il tipo di sistema operativo che installeremo, in questo caso sarà Linux e poi seleziona la distribuzione che installeremo, in questo caso Ubuntu. Premiamo Avanti e apparirà la schermata della memoria ram.
programma di installazione di virtualbox

Questo è molto importante: Non dobbiamo MAI mettere più memoria RAM della metà che abbiamo. Cioè, se abbiamo 4 Gb non aggiungiamo mai più di 2 Gb alla macchina, se abbiamo 2 Gb non potremo aggiungere più di 1 Gb. Questo è importante perché se non lo rispettiamo, né la macchina virtuale né il nostro computer funzioneranno bene.

disco rigido della macchina virtuale

Fare clic su Avanti e verrà visualizzata la finestra del disco rigido. Selezioniamo l'opzione "Crea un disco rigido virtuale" e premere il pulsante Crea.
archiviazione virtualbox

Nella schermata successiva lo lasciamo come contrassegnato, ovvero, creare un disco rigido VirtualBox e fare clic su Avanti. Nella schermata successiva contrassegniamo l'opzione "Riservato dinamicamente"Questo dirà al programma di non riservare i gigabyte dell'hard disk ma di prenderli in base alle esigenze della macchina virtuale, sempre non superando il limite sotto indicato.
posizione del file della macchina virtuale

Ora dobbiamo indicare qual è la dimensione massima dell'hard disk della nostra macchina virtuale. Quando si sceglie il sistema operativo, VirtualBox ci lascia già segnato l'importo minimo necessario. Dopo averlo stabilito, premiamo il pulsante di creazione e avremo la nostra macchina virtuale. Ora non ci resta che contrassegnare la macchina virtuale e premere il pulsante "Start" per far funzionare la macchina virtuale.

Possiamo vedere che dopo diversi secondi la macchina virtuale diventa nera con un trattino bianco. Questo è perché nessun sistema operativo è installato, dobbiamo aggiungerlo. Per fare questo, si ottiene un'immagine ISO di Ubuntu e dopo che andiamo a configurazione di VirtualBox. E in bagagli, sul disco con il segno +, indichiamo l'immagine ISO. Premiamo il pulsante Accetta e poi, dopo il riavvio della macchina, l'immagine ISO verrà eseguito e l'installazione della distribuzione procederà.
opzioni di configurazione di virtualbox

¿Y ahora qué?

Potresti non trovare molto utile creare una macchina virtuale, ma dopo aver usato diverse macchine virtuali, capirai l'utilità di questo software all'interno di una distribuzione Gnu / Linux: dalla possibilità di provare una nuova versione all'installazione di una versione di Windows. Risolvendo così molti problemi che gli utenti Linux devono affrontare quotidianamente.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Elogio Ximeno suddetto

    Questo articolo è molto superficiale. Chiunque sa come scaricare un software e installarlo. Quello che nessuno scrive sono le cose che non sono ovvie, come installare una vecchia versione di VirtualBox per Linux e dall'hard disk, o come installare VirtualBox su un PC con un vecchio processore e scheda madre. Per favore scrivi qualcosa che valga la pena leggere.

  2.   Anyelo Ruiz suddetto

    Grazie per l'informazione