Batocera vs. Lakka vs. Recalbox vs. Retropie: quale software di gioco funziona meglio per il mio Raspberry Pi?

Batocera contro Lakka contro Recalbox contro RetroPie

In questi giorni ho giocato con il mio Raspberry Pi. No, non ho giocato. Anche se sì. Il fatto è che ho testato dove si trovano alcuni sistemi operativi, come LineageOS di KonstaKang – nelle versioni Android e Android TV -, Emteria (Android), FydeOS (ChromeOS) e alcune distribuzioni per giochi. Ce ne sono almeno quattro per il Pi: batocera, Lakka, Recalbox e RetroPie. Qual'è il migliore? Non è facile dare una risposta, tanto più considerando che in fondo sono molto simili.

Ne ho uno preferito, ma in questa vita di solito non piove per i gusti di tutti e per questo motivo ho deciso di scrivere questo articolo. Sono stato incoraggiato anche dal post that Lui ha scritto qualche ora fa il mio collega Darkcrizt riguardo la novità di Lakka 5.0. Nel titolo non sono in ordine di importanza, ma piuttosto in ordine alfabetico. Quello che faremo qui è annotare alcune delle differenze tra questi quattro sistemi operativi per i giochi in modo che ognuno possa scegliere quello che preferisce.

Batocera Linux: il più semplice da configurare?

Batocera Linux è stato creato nel 2016 da un ex sviluppatore Recalbox, ed è per questo che sono così simili. Per me è l'opzione migliore per coloro che desiderano utilizzare una microSD/USB separata sul Raspberry Pi. A volte si dice che sia il migliore per i principianti, e il motivo è chiaro: è praticamente installarlo e iniziare a usarlo. Se non è proprio così è perché bisogna aggiungere le ROM, ma anche questo non è difficile; appare in qualsiasi file manager che supporti il ​​protocollo Samba.

Ho avuto un problema con l'audio, ma l'ho risolto con le informazioni descritte in questo PDF. Fondamentalmente devi provare i profili e le opzioni audio finché non senti la musica. Per tutto il resto è tutto molto semplice, soprattutto per chi come noi già lo sa È.

Le prestazioni sono molto buone, migliorando quelle del fratello, di cui parleremo più avanti. Vorrei riassumere com'è Batocera dicendo che è a È con un tema visivamente accattivante, che funziona da zero dopo l'installazione ed è perfettamente configurato, compresi i frame per alcune console. Questo e include anche Kodi.

Lakka: RetroArch su USB o disco rigido

Mi piace Lakka un po' meno di chiunque altro in questa lista. È basato su LibreELEC e È poco più di un RetroArch pronto all'uso. Oppure lo sarà quando verranno aggiunte le ROM e una connessione Internet, necessarie per scaricare contenuti e aggiornamenti.

La differenza principale tra Lakka e ciò che RetroArch offre dopo l'installazione da zero è che alcune cose sono già configurate, come ad esempio Le ROM di ogni console compaiono nella propria sezione con la propria icona. Questo può essere fatto con RetroArch, ma deve essere fatto manualmente.

Recalbox: il vecchio rocker

Recalbox è il punto da cui è partita Batocera. Si basa anche su EmulationStation, che a sua volta utilizza RetroArch per spostare i giochi. Avendo descritto Batocera un po' più ampiamente, direi che Recalbox è come una versione più classica che non ha Kodi. E anche quello È la cosa più vicina al desktop ES-DE, con la differenza principale che l'installazione dei core o di altri componenti aggiuntivi avviene tramite script. Lo stesso dell'ultimo in questa lista.

RetroPie: l'opzione "più ufficiale".

RetroPie lo è l'opzione "più ufficiale". di software di intrattenimento per Raspberry Pi. Non è ufficiale, poiché non proviene dall'azienda che produce i famosi piatti, ma è il primo apparso ed il più popolare. Forse a causa del suo nome?

Come Recalbox e Batocera, utilizza EmulationStation per l'interfaccia e utilizza RetroArch per spostare i giochi. Non viene aggiornato ormai da un paio d'anni., E questo dimostra. L'interfaccia non è la più bella delle tre e potrebbe essere migliore, molto migliore. Mostra lo stesso di EmulationStation, a differenza di altre opzioni che hanno aggiunto temi molto più estetici. L'installazione dei core e dei componenti aggiuntivi viene eseguita utilizzando script.

Vorrei chiarire che questi script non sono comandi da imparare. Deve essere fatto tramite la configurazione generale e il software che avvia è di tipo CLI.

Installazione e disponibilità

L'installazione è esattamente la stessa per tutte le opzioni:

  1. Andiamo alla pagina ufficiale di ogni progetto:
  2. Scarichiamo l'immagine.
  3. Lo registriamo su una microSD o USB con strumenti come Etcher o Raspberry Pi Imager.
  4. Si inserisce nel Raspberry Pi, si avvia.

Tra le differenze, in alcuni casi è necessario seguire una procedura guidata per completare l'installazione. D'altra parte, Recalbox e RetroPie sono offerti nello strumento ufficiale Raspberry Pi (Imager).

Per quanto riguarda la sua disponibilità:

  • Batocera è disponibile per PC, Steam Deck, Raspberry Pi >=4, schede Odroid e tutti i tipi di console portatili.
  • Lakka può essere installato su PC, tutti i tipi di schede e console portatili, incluso Switch (non Steam Deck).
  • Recalbox è disponibile per PC, schede Raspberry e Odroid e console portatili (non Steam Deck o Switch).
  • RetroPie può essere installato su schede Raspberry Pi, Odroid e anche su sistemi basati su Debian come un altro programma (ulteriori informazioni).

Vincitore secondo l'editore: Batocera

Per me il vincitore è Batocera Linux. Le motivazioni:

  • Ha Kodi installato di default e tutto funziona perfettamente (a meno che non vogliamo utilizzare una VPN sullo stesso sistema operativo).
  • Utilizza EmulationStation nella sua interfaccia, ma con un bel tema.
  • Alcuni pacchetti, come temi, ecc., possono essere scaricati dal sistema operativo stesso.
  • Ha core o software che non sono disponibili in RetroArch, come GZDoom. È diverso dal PrBoom utilizzato da LibRetro, che migliora in alcune sezioni come consentire una visione panoramica dell'azione.
  • Frame installati per impostazione predefinita. So che questo potrebbe non piacere e persino distrarre, ma possono anche essere disabilitati.
  • Prestazioni superiori ad altre opzioni con un'interfaccia simile.

Con tutto questo, speriamo che tu sappia già cosa si adatta meglio al tuo Raspberry Pi. E se ancora non lo sai, forse è meglio provarlo tu stesso. Ti divertirai.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.