Cos'è RPM Fusion e come posso usarlo per espandere le mie possibilità in Fedora, Red Hat e derivati

Fusione RPM

La maggior parte delle distribuzioni Linux ottengono il proprio software da repository ufficiali. In essi troviamo soprattutto pacchetti software open source e/o gratuiti, ma non offrono tutto ciò che una distribuzione può installare. Un'opzione che hanno gli utenti Linux quando non c'è qualcosa in questi repository è compilare il software, e ce ne sono anche altri come AUR per le distribuzioni basate su Arch o Fusione RPM per quelli basati su Fedora o Red Hat.

Quale modo migliore per spiegare cos'è RPM Fusion se non quello di utilizzare il file definizione che ci danno"Fusione RPM fornisce software che il progetto Fedora o Red Hat non desiderano distribuire. Tale software viene fornito come RPM precompilati per tutte le versioni attuali di Fedora e le versioni attuali di Red Hat Enterprise Linux o cloni; puoi utilizzare i repository RPM Fusion con strumenti come yum e PackageKit«.

RPM Fusion fornisce software non trovato nei repository ufficiali

Come persona che ha provato e utilizzato diverse distribuzioni basate su Arch, il mio modo di definirlo sarebbe che lo è come un AUR, ma per Fedora e altre distribuzioni che supportano repository per software nei pacchetti RPM. Ci sono delle differenze, la più evidente delle quali è che in AUR possiamo trovare diverse opzioni dello stesso programma per coprire tutte le possibilità, ma il fatto è che sia AUR che il repository di cui ci occupiamo qui ci permettono di installare software che non si trova nella versione ufficiale quelli.

Il suo obiettivo è «diventare il repository "ufficiale" di Fedora per tutto il software libero e non libero legalmente distribuibile che il progetto Fedora non desidera distribuire«. Offerte:

  • Software gratuiti: utilizzano una licenza gratuita, come i lettori video.
  • Software non libero: utilizzano una licenza non libera, come i driver NVIDIA.
  • Software “Free Tainted”, che è gratuito ma con restrizioni in alcuni paesi.
  • Software “Nonfree Tainted”, che utilizza una licenza non libera e non è esplicitamente distribuibile.

Come installare gli RPM Fusion

Per utilizzare i repository RPM Fusion è necessario installarli/aggiungerli.

Fedora

sudo dnf install https://mirrors.rpmfusion.org/free/fedora/rpmfusion-free-release-$(rpm -E %fedora).noarch.rpm https://mirrors.rpmfusion.org/nonfree/fedora/rpmfusion -nonfree-release-$(rpm -E %fedora).noarch.rpm sudo dnf config-manager --enable fedora-cisco-openh264

L'ultimo comando consiste nell'utilizzare la libreria openh264, che utilizzano per impostazione predefinita.

Fedora OSTree (Immutabili, come SilverBlue o Kinoite)

Durante i Fedora Atomica, nome dato alla nuova famiglia degli immutabili:

sudo rpm-ostree install https://mirrors.rpmfusion.org/free/fedora/rpmfusion-free-release-$(rpm -E %fedora).noarch.rpm https://mirrors.rpmfusion.org/nonfree/fedora /rpmfusion-nonfree-release-$(rpm -E %fedora).noarch.rpm sudo reboot

RHEL e compatibile, come CentOS

sudo dnf install --nogpgcheck https://dl.fedoraproject.org/pub/epel/epel-release-latest-$(rpm -E %rhel).noarch.rpm sudo dnf install --nogpgcheck https://mirrors. rpmfusion.org/free/el/rpmfusion-free-release-$(rpm -E %rhel).noarch.rpm https://mirrors.rpmfusion.org/nonfree/el/rpmfusion-nonfree-release-$(rpm - E %rhel).noarch.rpm

In CentOS Steam 8 devi anche scrivere:

sudo dnf config-manager --enable powertools

Nella versione precedente di CentOS 8 è scritto Utensili elettrici nel comando precedente.

E in RHEL 8 è anche scritto quanto segue:

sudo membership-manager repos --enable "codeready-builder-for-rhel-8-$(uname -m)-rpms"

Una volta installato, per ottenere anche il "Tainted" bisogna installare i suoi pacchetti:

sudo dnf install rpmfusion-free-release-tainted rpmfusion-nonfree-release-tainted

RPM Fusion è sicuro?

Per chi come me non ama affermare quasi nulla in modo categorico, rispondere a questo tipo di domande non è facile. La teoria dice di sì, che sono sicuri e che il problema più serio che potremmo incontrare non è diverso da ciò che accade quando Canonical impacchetta il launcher di Steam in un batter d'occhio. Il software è quello ufficiale per ogni progetto, viene compilato e caricato su RPM Fusion.

L'opinione della comunità è che si tratti di un repository totalmente affidabile senza differenze con i repository (PPA) che possono essere aggiunti manualmente. Hanno un processo di controllo della qualità, policy e alcuni packager Fedora mantengono i pacchetti anche in questo repository.

Nel mio, e come ho già spiegato, lo vedo come Arch User Repository e penso che vada trattato allo stesso modo: per installare qualsiasi software, la prima cosa dovrebbero essere i repository ufficiali, seguiti dai repository del progetto e, se non si trova in nessuno dei due precedenti, quindi installa qualunque sia RPM Fusion.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile del trattamento: AB Internet Networks 2008 SL
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.